Un tavolo inclusivo – Il Dado Incantato #38

Abbiamo voluto dedicare questa puntata del Dado Incantato ad un tema molto importante che ci è stato suggerito tempo fa dai nostri ascoltatori e ha richiesto da parte nostra un lavoro e una riflessione che sono durati due mesi ovvero l’inclusività.

In particolare l’inclusività nel nostro mondo, nel mondo dei giocatori che siano essi appassionati di gioco da tavolo, di ruolo o di carte, in ambiti competitivi o non competitivi.

Sappiamo che negli ultimi giorni il tema è stato anche parecchio dibattuto sui social network e non sempre serenamente. Noi vorremmo lasciarvi qualche spunto di riflessione e testimonianza diretta, ben consci che il tema non è facile, che siamo immersi in bias personali e culturali enormi e che accorgersi di queste necessità ed applicarle nella nostra vita di giocatori non è sempre immediato.

Anche per noi è stato un processo: siamo partiti in alcuni casi scettici e ci siamo alla fine interessati al tema tanto da prenderlo davvero a cuore e probabilmente lo tratteremo nuovamente in futuro guardando altri aspetti che non abbiamo potuto sviluppare in questa puntata.

Speriamo che il podcast vi piaccia, vi faccia riflettere e discutere e a tal proposito fatelo nei commenti qui sotto, su Spreaker o sulla nostra chat di Telegram. Sono quasi due ore di registrazione ma ne è valsa la pena.

Ospiti di questa puntata:
Pietro Guermandi, Cassero LGBT Center, Bologna
Gabriele Mari, Game Designer

Se ti piace questo podcast, sostienilo su Patreon. Condividi questa puntata sui tuoi social netowrk privati e insomma, fallo ascoltare in giro.

Se sei utente iOS abbonati gratuitamente su iTunes oppure utilizzando il feed RSS su qualsiasi altro aggregatore. Noi ti consigliamo Pocket Casts oppure la app di Spreaker.

Seguici su Spreaker e ascoltaci in streaming.

Ascolta “Un tavolo inclusivo – Il Dado Incantato #38” su Spreaker.